servizi&prove

DIAGNOSTICA STRUTTURALE › CALCESTRUZZO
CAROTAGGI E MICROCAROTAGGI

campi di applicazione

- strutture in cls (e altri materiali).

Obiettivi

- valutazione del degrado del cls;

- valutazione della qualità dei materiali e dello stato di conservazione.

Principali vantaggi

- determinazione di tipo diretto dei parametri di resistenza dei materiali.

Scopo

La carotatrice è uno strumento per il prelievo diretto di campioni di calcestruzzo (e di altri materiali) per valutare le caratteristiche meccaniche, quali deformazione e resistenza, e chimico-fisiche dei materiali indagati.

Criteri di funzionamento

Il suo funzionamento si basa sull’azione abrasiva della corona diamantata a contatto con il materiale da indagare. L’esecuzione della prova può essere effettuata a secco (su laterizi, mattoni forati, cls alleggeriti), o ad acqua (su pietre naturali, cls, cls armato). La profondità ed il diametro del carotaggio sono stabiliti in relazione allo spessore dell’elemento da indagare e agli scopi dell’indagine. I campioni prelevati, denominati “carote”, vengono corredati da schede tecniche esplicative o trasferiti in laboratorio per essere sottoposti alle prove richieste.

Lo scopo dell’estrazione delle carote è la successiva determinazione delle caratteristiche meccaniche del materiale estratto attraverso prove di laboratorio. A seconda delle condizioni strutturali possono essere effettuate anche microcarotaggi (diametro nominale 28 mm). Per quanto concerne le caratteristiche chimiche dei materiali indagati è possibile eseguire analisi colorimetrica per il rilievo della diminuzione di alcalinità causata da carbonatazione o per verificare la presenza di cloruri.

Riferimenti normativi

  • UNI EN 12504-1(2009) Prove sul calcestruzzo nelle strutture.

Galleria immagini